27 luglio 2015 1:52 pm • Pubblicato da Lascia il tuo commento

La paura del dentista? Non esiste più con la sedazione cosciente inalatoria

Ora non è più necessario “sopportare” il dentista. Esiste una cura anche dell’ansia o della paura, una cura priva di rischi e di conseguenze: la SEDAZIONE COSCIENTE INALATORIA.

La paura del dentista? Roba d’altri tempi con la sedazione cosciente inalatoria! Dott. Massimiliano Lombardo Dentista Bergamo Specialista Ortodonzia

Sedazione cosciente Dott. Massimiliano Lombardo

Sedazione cosciente Dott. Massimiliano Lombardo

Rispondete a queste 4 semplici domande con un punteggio da 1 (nessun timore del dentista) a 5 (ansia e paura del dentista):

  1. il giorno prima di andare dal dentista sono rilassato o a disagio?
  2. in sala d’attesa mi rilasso o sono teso?
  3. seduto sulla poltrona operatoria sono tranquillo oppure osservo con ansia cosa prepara il dentista?
  4. prima di iniziare la pulizia dei denti sono rilassato o teso e ansioso?

Se hai collezionato un totale superiore a 9 significa che hai un’ansia da dentista non fisiologica.

Ora non è più necessario “sopportare” il dentista. Esiste una cura anche dell’ansia o della paura, una cura priva di rischi e di conseguenze: la SEDAZIONE COSCIENTE INALATORIA.

Nel 1930 (quasi 100 anni fa!!) è stata introdotta negli Stati Uniti la tecnica di analgesia sedativa inalatoria per  eliminare ansia, paura e stress utilizzando una miscela di ossigeno e protossido d’azoto, due gas che normalmente respiriamo tutti i giorni ma in composizione e concentrazioni differenti.

Nel nostro studio siamo fermamente convinti che alcuni pazienti hanno bisogno della sedazione cosciente così come alcuni hanno bisogno di antibiotici e antidolorifici.

Come non curiamo pazienti senza l’anestesia o la diga di gomma, così pensiamo che alcuni pazienti possano essere curati bene solo eliminando lo stato di ansia o di paura.

Quali sono i pazienti che hanno bisogno della sedazione cosciente inalatoria?

  • Alcuni bambini dai 4-5 anni in su poco collaboranti per paura o perché iperattivi per i quali è importante evitare, sin dall’inizio, che la seduta dal dentista sia un’esperienza negativa facendo fallire il rapporto di fiducia con il dentista.
  • gli adulti che hanno paura, ansia o disagio o le persone con un elevato riflesso del vomito durante le impronte o solo toccando la lingua;
  • interventi lunghi e complessi come nell’implantologia in cui la seduta di qualche ora può diventare eccessivamente stressante;
  • per tutti coloro che vogliono trasformare la seduta dal dentista in una piacevole esperienza. Pensiamo alla seduta di igiene orale che, essendo normalmente eseguita senza anestesia, viene vissuta sempre con un livello di vigilanza molto alta in attesa del dolore che “prima o poi arriva”. Non solo, il protossido d’azoto ha un effetto che desensibilizza le mucose garantendo una seduta di igiene orale praticamente indolore;
  • i pazienti a rischio come i cardiopatici, ipertesi, epilettici, diabetici o portatori di handicap (Down e spastici) dove la sedazione cosciente inalatoria funge da prevenzione medica ed evita che uno stress prolungato possa scatenare la patologia di cui sono affetti.

Come si usa?

Mascherina della sedazione cosciente Dott. Massimiliano Lombardo

Mascherina della sedazione cosciente Dott. Massimiliano Lombardo

Una mascherina di gomma, delle dimensioni personalizzate, è appoggiata sul naso e il paziente deve respirare solo con il naso: viene progressivamente aumentata la percentuale di protossido d’azoto nella miscela con l’ossigeno finché il paziente entra nello stato di sedazione e lo comunica al dentista.

È sicura la sedazione cosciente inalatoria ed è vero che non ci sono effetti collaterali o pericolosi?

Assolutamente si perché

  1. non si tratta di anestesia generale, il paziente NON E’ ADDORMENTATO ma sempre cosciente, mantiene i riflessi della tosse e della deglutizione, è capace di comprendere ciò che gli si dice e di seguire i comandi;
  2. è eliminata dall’organismo in 3-5 minuti tanto che il paziente può riprendere la  normale attività, per esempio guidare per tornare a casa;
  3. non sono conosciute allergie perché contiene sostanze contenute nell’aria (ossigeno e azoto) che respiriamo ma solo in concentrazioni diverse;
  4. il dentista controlla le percentuali di gas erogati ma è il paziente a decidere se mantenere lo stato di sedazione oppure no, basta che paziente decida di respirare con la bocca e nel giro di pochi secondi l’effetto della sedazione scompare.

Esistono dei casi in cui non si può usare la sedazione cosciente inalatoria?

Ci sono dei casi limitati:

  1. le donne nei primi 3 mesi di gravidanza;
  2. persone con timpano perforato o ricostruito, con otite cronica o acuta o con infezioni del naso e delle vie respiratorie;
  3. nei primi mesi dopo l’operazione al cristallino;
  4. quando il paziente non riesce a respirare con il naso.

Cosa si sente con la sedazione cosciente inalatoria?

Il primo effetto che il paziente avverte è il senso di rilassamento come dopo un massaggio, una sauna, una buona dormita, quel senso di benessere come quando si è in auto o sul divano e ci si sta per addormentare.

In alcuni pazienti c’è un senso di euforia come quando si è bevuto un pò ma senza ubriacarsi: non a caso il protossido d’azoto è conosciuto come “gas esilarante“.

Nei bambini non è raro che i genitori riferiscano che hanno dormito dopo la seduta in sedazione: non è colpa della sedazione ma è legato allo stato di rilassatezza che prosegue dopo la seduta dal dentista.

Ci sono degli effetti sgradevoli?

Esistono alcuni effetti sgradevoli che possono incorrere durante la sedazione o subito dopo:

  1. sudorazione, aumento della frequenza respiratoria e tachicardia sono legati all’ansia che c’è fintanto che non si entra in sedazione;
  2. nausea e la testa che gira sono legati a una concentrazione di protossido d’azoto più alta del necessario che passano nel giro di pochi secondi regolando la miscela di gas;
  3. incontinenza nei bambini tanto che si raccomanda sempre di far pipì prima di iniziare la seduta;
  4. occasionale vomito in quei bambini che si sottopongono alla sedazione con lo stomaco pieno (come viaggiare in macchina sui tornanti di montagna con lo stomaco pieno): per questo motivo consigliamo sempre di far mangiare i bambini qualche ora prima di venire in studio e di dare cibi leggeri.

Quindi così come non chiedereste mai di fare un’otturazione o un’estrazione senza anestesia perché non volete sentire dolore, così non rinunciate alla sedazione cosciente inalatoria che nel nostro studio possiamo darvi per rilassarvi in maniera completa.

Dott. Massimiliano Lombardo

Odontoiatra e Protesista Dentale

Specialista in Ortognatodonzia

Centro FACE Tx

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *