6 ottobre 2014 8:28 pm • Pubblicato da Lascia il tuo commento

Il tuo dentista fa un “preventivo” o una diagnosi?

"Vorrei un appuntamento con il Dottore per un preventivo"

“Vorrei un appuntamento con il Dottore per un preventivo”
“Grazie Sig. Rossi per averci chiamato. Se vuole il Dottore le farà una visita e alla fine potrà fare una diagnosi del suo problema”

“Ma io vorrei solo che mi desse un’occhiata ai denti per un preventivo”
” Ho capito Sig. Rossi ma il Dottore non è un meccanico che fa preventivi bensì un Professionista che si prenderà cura dei problemi della sua bocca dopo un’attenta diagnosi”

Il Dentista o lo Specialista in Ortodonzia, facendo un’approfondita e corretta diagnosi, pone le basi per poter curare bene la persona. Dott. Massimiliano Lombardo Specialista in Ortodonzia Bergamo

I denti non sono dei “pezzi” bianchi in bocca, sono un’organo prezioso che serve per masticare, sorridere e parlare. Sono circondati dalle gengive che ricoprono l’osso e chiudono gli uni contro gli altri lavorando insieme ai muscoli e alle articolazioni

Quindi un’attenta visita deve prevedere la valutazione di tutte queste parti della bocca.

Cosa differenzia la semplice “occhiata” da una diagnosi? Guarda il video.

LA MISURAZIONE DELLA QUANTITÀ DI OSSO CHE CIRCONDA I DENTI E LA SALUTE DELLE GENGIVE.

Valutazione parodontale Dott. Massimiliano LombardoCome si esegue?

  1. con una sonda parodontale che misura in modo preciso quanto osso circonda i denti, se ci sono tasche che, se non sono curate, portano alla perdita del dente (la cosidetta “piorrea”);
  2. con lo status radiografico endorale che visualizza la forma della perdita dell’osso e, in base alla lunghezza del dente, permette di capire se il dente si può curare o se deve essere estratto;
  3. in casi particolari con la Cone Beam CT (la tomografia a fascio conico) che ricostrusce in 3D la  perdita di osso e permette di programmare l’intervento chirurgico (chirurgia parodontale di rigenerazione ossea) per risolvere il problema.

COME I DENTI CHIUDONO IN RELAZIONE ALL’ARTICOLAZIONE.

Oltre a un’attenta visita e palpazione dei muscoli che della faccia e dell’articolazione temporo-mandibolare (l’osso che si trova davanti all’orecchio e che si muove quando apriamo e chiudiamo la bocca), l’articolatore, ovvero simulatore di movimento, permette diparodonto.002-001

  1. studiare come chiudono i denti;
  2. analizzare i primi movimenti della bocca, quelli che si compiono facendo scivolare i denti tra loro;
  3. individuare come i denti sono inclinati nello spazio, se sono inclinati a destra o a sinistra e quindi se il nostro lavoro risulterà “storto”;
  4. impostare la cura della bocca in modo che i denti chiudano contemporaneamente tra loro e le articolazioni e i muscoli siano in una posizione stabile, centrata.

COME I DENTI SONO INTEGRATI NEL VISO.

Attraverso una macchina fotografica si possonoparodonto.003-001

  1. vedere se i denti sono centrati nella faccia e quindi se dobbiamo o possiamo correggerli;
  2. come i denti sostengono le labbra quindi, se portandoli avanti o indietro con un apparecchio ortodontico (quello per raddrizzare i denti) o con i nostri lavori protesici, miglioriamo o peggioriamo il profilo del paziente;
  3. quanto si vedono quando sorridiamo.

Ancora meglio è avere una video camera per  riprendere la bocca e i denti in movimento e studiare tutto il complesso mentre il paziente parla, ride, deglutisce.

Ma il mio dentista non ha bisogno di tutto questo…

Ne siete sicuri?

La scelta è affidare la propria bocca alle mani di un Professionista che opera sapendo già cosa deve fare e può prevedere un risultato certo oppure nelle mani di un altro che si comporta in base a ciò che trova, di volta in volta. E talvolta (spesso) con risultati inferiori alle aspettative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *